Perché il marketing ha bisogno delle call to action

Uno degli strumenti più importanti nel mondo del digital marketing è certamente la “call to action“, o, in altre parole, il mezzo attraverso il quale si invita una persona a compiere una determinata azione. Pur avendo spesso l’aspetto di un semplice tasto su cui cliccare, la CTA è il frutto di un attento studio sul comportamento degli utenti per trovare la modalità di comunicazione più efficace e convincente possibile.

Personalizzazione: le CTA a misura di utente

Chi  utilizza internet  è quotidianamente bombardato da banner pubblicitari di ogni tipo, molti dei quali vengono completamente ignorati perché considerati poco credibili o scarsamente affidabili. Per riuscire ad attirare l’attenzione di un utente, dunque, un semplice bottone “clicca qui” non è più sufficiente: occorre, invece, ideare soluzioni contenutistiche più coinvolgenti e personalizzate.

Le CTA che presentano una personalizzazione al suo interno convertono il 42% in più rispetto a un invito all’azione generico L’ego degli utenti deve essere accontentato e per farlo un’altra possibile soluzione per far guadagnare click al proprio sito è quello di utilizzare la prima persona. Dare del “tu” non basta più per attirare clienti: la nuova frontiera è far parlare in prima persona la call to action in modo che l’utente si convinca che quel click è una sua decisione e che questa decisione comporterà dei vantaggi per lui.

Come realizzare una call to action perfetta Per creare una call to action efficace è necessario valutare anche aspetti come il verbo o il colore da usare

Ci sono alcune caratteristiche che rendono una CTA perfetta e a prova di web. Prima di tutto deve essere semplice e immediata . L’utente deve avere chiaro sin da subito quello che sta per fare e, aggiungendo qualche dettaglio sul servizio che riceveranno, sarà ancora più propenso a cliccare.

La call to action deve essere ben visibile; meglio posizionarla nella parte più in vista della pagina così da non sfuggire all’attenzione di chi naviga. Ovviamente oltre alla collocazione, non deve mai essere trascurata anche la coerenza tra l’azione da compiere e i contenuti a cui si riferisce la CTA.

Dal punto di vista grafico anche i colori sembrano avere molta influenza. Ovviamente, dal momento che lo scopo è attrarre, meglio utilizzare delle tinte forti. Il rosso e l’arancione sembra siano i più performanti, registrando un aumento del tasso di conversione del 32,5% e del 21%.

Ad attirare gli utenti, però, non sono solo dei colori specifici, ma anche determinati verbi. Se la CTA scelta non converte come sperato, potrebbe essere a causa della terminologia usata. Meglio, dunque, fare dei test e cambiare di tanto in tanto i verbi, così da monitorarne l’andamento e trovare la giusta strada.

Quale tipologia di CTA scegliere e dove inserirla

Per scegliere quale tipologia di call to action utilizzare per la propria campagna di marketing occorre prima di tutto stabilire quali sono i propri obiettivi. Una volta comprese le proprie esigenze, sarà più semplice individuare il modello di CTA più adatto.

Uno dei principali obiettivi nel digital marketing è l’acquisizione di nuovi contatti, detta anche Lead Generation. Per ottenere dati utili attraverso i quali promuovere un sito o dei contenuti promozionali si può optare per 3 diverse soluzioni:

  • Welcome Gate: CTA a tutto schermo che compare appena si effettua l’accesso a un sito; attira molto l’utente in quanto offre la possibilità di ricevere newsletter informative personalizzate. La possibilità di targettizzare gli utenti consente, inoltre, una maggiore profilazione delle mailing list.
  • Pulsante: meno attrattivo rispetto al metodo precedente, affinché ottenga delle buone conversioni deve essere posizionato nella pagine con maggiori visite, nei punti di maggiore visibilità o alla fine del testo come anchor text.
  • Feature Box: consiste nell’inserimento di un box all’interno del sito (meglio appena sotto all’header) dedicato all’iscrizione alla newsletter. Questa CTA permette di far si che i visitatori di un sito si possano trasformare in contatti veri e propri.
13 giu 2017

Lascia un Commento!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Post correlati