Nuova svolta mobile-friendly per Google: lo sdoppiamento della SERP

Un cambiamento epocale è in arrivo in Casa Google: la notizia di questi giorni è infatti che nei prossimi mesi vedremo indici di ricerca sempre più specifici e categorizzati in base al tipo di dispositivo utilizzato. La SERP visualizzata da mobile diventerà infatti diversa e distinta da quella desktop; la ricerca prodotta da dispositivi mobili sarà privilegiata, aggiornata con maggiore frequenza e con una visualizzazione dei contenuti molto più rapida e scorrevole.

La novità, annunciata durante la PubCon dal Webmaster Trends Analyst di Google Gary Illyes, si allinea perfettamente con la filosofia e la strategia iniziata un anno fa relativamente alla penalizzazione dei siti non mobile-friendly, ovvero non ottimizzati per la fruizione da smartphone, ed alla più recente introduzione delle Accelerated Mobile Pages, in grado di caricare in maniera immediata gli articoli per smartphone e tablet, sulla scia degli Instant Articles di Facebook.

La rivoluzione degli indici separati: un nuovo modo di vivere Internet?

Nello specifico, il motore online indicizzerà separatamente le pagine pensate ed ottimizzate per essere lette sullo schermo degli smartphone da quelle pensate per i computer. Il focus sarà incentrato quasi esclusivamente sull’indice mobile e apporterà una rivoluzione nella fruizione di internet e dei suoi contenuti ed nelle tipologie di contenuti proposti online.

La volontà di Big G di puntare tutto sul traffico mobile e su un servizio pensato per quegli utenti che non hanno intenzione di superare gli otto secondi di attesa per il caricamento delle notizie sarà supportata dal probabile sviluppo di un algoritmo specifico per i contenuti mobile. Da discutere il peso che occuperà la ricerca effettuata sugli schermi superiori ai 10 pollici, che resterà attiva ma aggiornata con tempistiche diverse.

Doppia SERP: a quando il switch completo?

Google non si sbilancia: non si hanno tempistiche certe né in merito a questi cambiamenti né alle implicazioni che questi comporteranno per i volumi e la segmentazione del traffico online. L’unica cosa certa è che continuerà a spostarsi il baricentro degli strumenti e dei dispositivi utilizzati, sancendo (forse) il tramonto definitivo dei computer a favore di smartphone e tablet sempre più all’avanguardia.

Lascia un Commento!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Post correlati