La lettura ai tempi dei social e del digitale: la rivoluzionaria app Instabook

Datata ottobre 2016, l’app Instabook sarà ricordata come la rivoluzione “social” della linstabook-nuova-app-android-letturaettura. In un’era in cui tutto passa attraverso la condivisione sui maggiori canali online non poteva mancare un’app dedicata agli amanti della lettura.

In realtà, essa nasce con lo scopo di far (ri)scoprire una passione spesso considerata di serie B attravero le citazioni. Non è raro, infatti, che su social network quali Facebook o Instagram siano postati status o immagini con delle citazioni. Queste, random o volontarie che siano, non riportano sempre l’autore o l’opera. Tramite Instabook è ora possibile scoprire a chi appartengono quelle frasi incollate sulle varie bacheche e avere anche delle informazioni sull’opera dalla quale sono tratte. Prezzo, numero di pagine, date di pubblicazione, categoria: opere (s)conosciute o semisconosciute non avranno più segreti per chi scaricherà questa app sul proprio smartphone.

Come funziona Instabook

Lasciandoci guidare da quello che ricorda il nome, Instabook si ispira sia all’ormai conosciutissima app Instagram che a Shazam, l’equivalente in ambito musicale. Con la nuova nata non si registra più della musica per far venir fuori il titolo: basta inserire manualmente la citazione, digitandola, o registrarla leggendola con la propria voce. Se presente, verrà fuori una vera e propria “scheda prodotto” che sarà possibile condividere sui vari social, votare e aggiungere ad una lista preferiti. Per i più attenti o semplicemente per chi ha una buona memoria, l’opera può essere ricercata anche a partire dal titolo o dall’autore.

Gli appassionati di lettura e tecnologia dovranno ringraziare le menti del team ARAndroid, nato nell’estate 2012 dalla collaborazione tra Andrea Spostato, Ronny Meringolo e Angelo Ragusa, ingegneri italiani che si occupano dello sviluppo di app Android.

Un’app che avrà successo?

Al momento l’app è disponibile esclusivamente per il sistema Android ed è scaricabile gratuitamente da Play Store. In base alla visibilità e al successo che riuscirà o meno a raggiungere si penserà ad estenderla al sistema iOS.

Si tratta sicuramente di un’app di nicchia ma, d’altro canto, ha grandi potenzialità e potrebbe attrarre molti utenti, rendendo possibile la circolazione di autori ed opere e rendendo intramontabile un hobby molto spesso messo da parte.

Lascia un Commento!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Post correlati