come utilizzare linkedin

Per le foto c’è Instagram, per i video c’è YouTube, ma se vuoi farti notare da un potenziale datore di lavoro e vuoi mostrare il meglio della tua professionalità, LinkedIn è il social network giusto. LinkedIn, infatti, è nato per il settore business e per chi cerca e offre lavoro. Ultimamente, il social ha avuto un vero e proprio boom, toccando i 500 milioni di iscritti.

Poca roba rispetto ai miliardi di utenti di Facebook, ma LinkedIn è un social molto particolare, dove anche un singolo contatto in più può fare la differenza. Il curriculum vitae diventa digitale, ed è a disposizione di chiunque voglia sapere qual è la nostra esperienza e che studi abbiamo svolto.

 

Acquisito dal colosso Microsoft, LinkedIn ha aggiunto nuove funzionalità e opzioni, nonché piani a pagamento ad abbonamento mensile. Spesso, però, questo utilissimo strumento viene sfruttato male, soprattutto da chi cerca lavoro: vediamo allora quali sono i consigli per usarlo al meglio, avvalendoci di tutte le specificità che questo social offre.

 

1.      Personalizzazione e grafica

 

Se non si conosce bene la piattaforma e si resta anonimi è difficile ottenere risultati concreti, che si sia un disoccupato in cerca di lavoro o un manager di alto livello che cerca nuove leve per la sua azienda. Primo consiglio, dunque: personalizza! Sfrutta tutto ciò che il tuo profilo ti offre: imposta un’immagine di copertina accattivante e in linea con il tuo lavoro (e della risoluzione giusta), utilizza l’url personalizzato per farti trovare più facilmente dai colleghi (avrai così un link del tipo: https://www.linkedin.com/in/giorgiarossi/), e scegli una foto profilo in cui appari sorridente ma professionale.

 

2.      Scegli con cura i collegamenti

 

LinkedIn non è Facebook: non ha senso, dunque, accettare collegamenti di persone che non conosci o che non hanno nulla a che fare con il tuo lavoro. Utilissimo, invece, aggiungere tutti coloro con cui si collabora abitualmente. No, dunque, ai compagni del liceo che hanno intrapreso tutt’altra strada, sì al responsabile acquisti della tua stessa azienda, o al direttore di una rivista per cui ti piacerebbe iniziare a lavorare. La home di LinkedIn dovrebbe mostrarti solo contenuti interessanti per il tuo lavoro: se così non è, comincia a tagliare i “rami secchi” e tutti i collegamenti inutili. L’importante è fare community con le persone che davvero orbitano nel tuo ambito lavorativo.

 

3.      Unisciti ai gruppi e crea contenuti di qualità

 

Come su Facebook, anche su LinkedIn esistono i gruppi. Scegli attentamente i gruppi a cui unirti, e poi comincia a postare contenuti di qualità e interessanti per i tuoi colleghi o potenziali tali. Se sei un ingegnere che pubblica solo foto di gattini, verrai presto ignorato o bannato.

Importante è anche fare community: rispondi ai post altrui, metti un like, ma soprattutto conferma le competenze dei tuoi colleghi. Vedrai che, presto, si instaurerà un circolo virtuoso e gli altri faranno lo stesso con te.

 

4.      Fai sapere agli altri che stai cercando lavoro

 

LinkedIn è utilizzato dai recruiter di tutto il mondo per selezionare e assumere nuovo personale. Esiste una sezione apposita in cui puoi far sapere ai recruiter che stai cercando lavoro, che tipo di contratto ti interessa e in quale area geografica. Nella sezione “Offerte di lavoro”, inoltre, puoi selezionare nel dettaglio dei filtri che ti permettono di trovare l’annuncio giusto per te.

 

5.      Utilizza i 30 giorni gratuiti di LinkedIn Premium

 

Il primo mese di LinkedIn Premium è totalmente gratuito, e ti può far capire se fa al caso tuo continuare a pagare per avere dei servizi in più.utilizzare linkedin Esistono diversi tipi di piani in abbonamento: si va da quello standard per chi cerca lavoro, che mette in evidenza la tua candidatura rispetto a quelle di altri, ti permette di contattare direttamente i recruiter e ti propone videocorsi online, al piano Business per chi cerca di espandersi e di far crescere la propria attività, a quello Vendite o Assunzioni che permettono di trovare nuovi clienti o nuove leve da assumere in azienda.

LinkedIn, insomma, se utilizzato al meglio, può essere una vera e propria miniera di contatti e di buone opportunità di lavoro; basta dedicarvi del tempo e ricordarsi, sempre, di postare contenuti che ci farebbe piacere leggere.

 

 

 

 

21 nov 2018
Per poter impostare una campagna di e-mail marketing vincente ci sono alcune cose da fare e altre assolutamente da evitare. Scopriamole insieme

Avete idea di quanti indirizzi e-mail ci siano in Italia?
Una ricerca del 2016 ne contava ben 71 milioni, molti di più degli abitanti della nazione!
Continua a leggere l’articolo!

17 ott 2018
branded-entertainment1

All’inizio era marketing tradizionale e canali di comunicazione offline. Poi, l’ADV è cambiata con l’avvento del content marketing, ovvero con una nuova modalità che prevende la creazione di contenuti originali, utili, divertenti o informativi, non orientati alla vendita bensì ad attrarre il maggior numero di consumatori e utenti che hanno in comune le stesse necessità o bisogni.
Continua a leggere l’articolo!

19 set 2018
Scrivere articoli persuasivi per il web vuol dire stravolgere totalmente le regole di scrittura che abbiamo imparato a scuola.

Le persone sono sempre di fretta e dedicano poco tempo e poca attenzione alla lettura online. Per questo molte correnti di pensiero, sulla base di dati e insight, suggeriscono ai copywriter di scrivere tutto in maniera coincisa.
Continua a leggere l’articolo!

11 lug 2018
Le campagne Adwords sono parte integrante del piano marketing di un’azienda ed è praticamente impossibile escluderle da una strategia di comunicazione ecco perché è fondamentale non fare errori

Le campagne Adwords sono parte integrante del piano marketing di un’azienda ed è praticamente impossibile escluderle da una strategia di comunicazione.

Continua a leggere l’articolo!

20 giu 2018
Utilizzare le stories è un buon modo per raccontare e promuovere un brand ma, perché la strategia funzioni davvero, è importante conoscere bene i social di riferimento.

Una delle tendenze più interessanti degli ultimi anni per chi si occupa di social media e storytelling sono le stories, ovvero un mix di immagini e video che vengono pubblicati su un profilo o una pagina, in un flusso temporale che dura, volutamente, solo 24 ore.

Continua a leggere l’articolo!

23 mag 2018
remarketing

C’è una tecnica di web marketing, spesso trascurata pur essendo molto utile per far crescere il proprio business, in cui ha senso investire una parte del budget dedicato alla promozione: il remarketing o retargeting, ovvero un velato reminder dedicato all’utente.
Continua a leggere l’articolo!

11 apr 2018
Contenuti, immagini, ottimizzazione delle interfacce desktop e mobile, link interni ed esterni, tutto è necessario al fine di migliorare la SEO di un sito.

La figura del SEO manager è diventata fondamentale per una web agency ma, oggi, anche chi si occupa di comunicazione all’interno di aziende e PMI deve almeno conoscere le basi di SEO per ottimizzare blog e siti web ufficiali.
Continua a leggere l’articolo!

28 mar 2018
Le campagne Facebook Lead Ads sono molto utili per generare nuovi contatti di clienti potenzialmente interessati ai prodotti e servizi offerti.

Facebook, da social per coltivare le amicizie si è “trasformato” in social dove hanno sede (anche) le aziende, ognuna con il proprio profilo ufficiale.
Continua a leggere l’articolo!

15 mar 2018
L’impatto del digital ha contribuito alla creazione di nuove figure di acquirenti che è necessario conoscere per sapersi approcciare a loro nel migliore dei modi.

In un momento storico in cui tutto ciò che ci circonda è diventato tecnologico e digitalizzato, anche nel settore commercio le cose sono andate in questo senso: la maggioranza delle vendite e delle transazioni si compiono online e il consumatore sceglie di fare sempre più acquisti tramite e-commerce e di recarsi meno negli store fisici.
Continua a leggere l’articolo!

28 feb 2018